Operazione Prometeo: L’accusa chiede dai 17 ai 18 anni e 4 mesi di carcere per Nat, Beppe e Robert

Riceviamo e diffondiamo:

Il 20 settembre, di fronte alla corte d’assise di Genova, si è tenuta la discussione del pm Federico Manotti e della parte civile che si è costituita per Rinaudo nel processo Prometeo. Sono stati chiesti 17 anni per Robert e per Natascia e 18 anni e 4 mesi per Beppe, questi ultimi due compas rinchiusi da oltre due anni rispettivamente a Rebibbia e a Bologna. Il capo d imputazione principale è rimasto il 280 (attentato con finalità di terrorismo) con la continuazione del reato e l’aggravante costituita dalla parte offesa in questione (due pubblici ministeri e il capo del DAP). Nella richiesta è stata esclusa la micidialità ma è rimasto l’articolo 270 sexies per la condotta con finalità di terrorismo.

La parte civile non ha avanzato alcuna richiesta di risarcimento, sostenendo che “bastano i 17 anni e che non vi è alcuna volontà di accanirsi” (sic!).

Il 27 e il 28 settembre ci saranno le due udienze dedicate interamente alla difesa, inoltre verrà fissata la data della sentenza che indicativamente dovrebbe essere a metà ottobre.

La solidarietà – attiva e rivoluzionaria – è un’arma per impedire che richieste del genere passino sotto silenzio: usiamola!

Sempre in tema di solidarietà, qui di seguito le coordinate da utilizzare per benefit e contributi economici a sostegno delle spese carcerarie, dei viaggi mensili per i colloqui e delle spese legali:

– Postepay evolution
intestata a Vanessa Ferrara
n° 5333 1710 9103 5440
IBAN: IT89U3608105138251086351095
(BIC/SWIFT): PPAYITR1XXX

– Postepay evolution
intestata a Ilaria Benedetta Pasini
n° 5333 1710 8931 9699
IBAN: IT43K3608105138213368613377

Ricordiamo inoltre gli indirizzi per scrivere a Nat e a Beppe:

NATASCIA SAVIO
c/o c.c. Germana Stefanini di Roma Rebibbia
via Bartolo Longo 92
00156 Roma

GIUSEPPE BRUNA
c/o c.c. di Bologna Dozza
via del Gomito 2
40127 Bologna

This entry was posted in Anarchia, Operazione Prometeo, Repressione e Carcere. Bookmark the permalink.