Grecia: Il compagno anarchico Errol è stato deportato in Francia

Atene. Grecia. Il compagno Errol è stato rapito dalla polizia greca questa mattina presto, sabato 19/12/2020, dalla sua cella di isolamento nel centro di detenzione di Amygdaleza. E’ stato messo in un furgone per il trasferimento dei prigionieri, ammanettato, con la scusa di portarlo in ospedale per un test Covid-19 al fine di porre fine al suo isolamento.

Invece, è stato portato direttamente in aeroporto dove poliziotti antiterrorismo, in uniformi nere, passamontagna e pistole automatiche, lo hanno caricato violentemente sull’aereo, legandogli anche i piedi. Prima e durante il volo ha resistito il più possibile.

Né il suo avvocato né i parenti sono stati informati di questa deportazione-rapimento.

Poliziotti specializzati nelle espulsioni hanno viaggiato con lui su un regolare volo di linea della compagnia aerea Aegean, e lo hanno consegnato alla polizia aeroportuale francese una volta atterrato a Parigi. In Francia, Errol, è stato interrogato dalla polizia ma è rimasto in silenzio per tutto il tempo. Gli hanno detto che non avevano mai visto una simile procedura, senza informare avvocati o parenti, nemmeno per i casi di terrorismo.

Il compagno ha mostrato resistenza attiva per tutta la durata del rapimento denunciando la violenza dello Stato.

PS. Nuovi aggiornamenti verranno condivisi da lui tramite telefono.

NESSUN ATTACCO DELLO STATO RIMARRA’ SENZA RISPOSTA

VIOLENZA ALLA VIOLENZA DELLO STATO

Fonte: athens.indymedia.org

Traduzione a cura di: Inferno Urbano

This entry was posted in Anarchia, Repressione e Carcere. Bookmark the permalink.